350 anni di Blue Jeans

Italiano

Il blue jeans e tra i capi piu iconici, di la del sesso, e il capo piu versatile e trasversale del guardaroba, reinventato stagione dopo stagione sia

nell'abbigliamento piu sportivo e street, sia nella moda di fascia alta.

 

E’ anche un tema molto italiano: non si deve dimenticare che la produzione del denim – il tessuto piu comunemente usato per i jeans – trovi proprio nel nord dell'Italia un grande bacino industriale e manifatturiero. Arriva dal lontano nord la prima grande mostra dedicata a questo tema e organizzata dal Centraal Museum di Utrecht in Olanda che propone una grande evento per ripercorrere in modo assolutamente contemporaneo la storia e l'importanza del Blue Jeans negli ultimi 350 anni.

 

La mostra – aperta fino al 10 marzo 2013 - e scandita secondo un itinerario tematico che vuole indagare il lato sperimentale e piu creativo del jeans: dalla sua origine nel 17° secolo fino ad arrivare all'alta moda nel 20° secolo, grazie a grandi designer e maison come Chanel, Jean Paul Gaultier, Maison Martin Margiela, Marithe + Francois Girbaud e Yves Saint Laurent, senza trascurare tutte i grandi brand internazionali, tra cui l'olandese G-Star.

 

Parte integrante della mostra e il Laboratorio Blue Jeans, dove i visitatori stessi possono mettersi al lavoro con il denim, reinventarlo, scambiarlo e personalizzarlo sperimentando diverse tecniche di lavorazione.

 

Con questa mostra il Centraal Museum di Utrecht ci invita a riflettere sulla complessita del mondo jeans, un mix straordinario di artigianalita e innovazione tecnologica che guarda sempre piu all'aspetto sostenibile ed eco-friendly.